Emorragie esterne: Definizione e modalità d’Intervento

Torna alla Categoria Primo Soccorso Aziendale

Un’emorragia è, per definizione, una lesione con fuoriuscita massiva di sangue dai vasi sanguigni.

La rottura di un vaso sanguigno determina la fuoriuscita di sangue all’interno o all’esterno del corpo. Nello specifico ci occupiamo di emorragia esterna, che assume le denominazione di arteriosa laddove il sangue esce in maniera abbondante e intensamente rosso per via dell’alto contenuto d’ossigeno, scorrendo ad intermittenza e contemporaneamente al ritmo delle contrazioni del cuore.

Un’emorragia venosa, al contrario, è caratterizzata da un colore rosso scuro in quanto ricco di anidride carbonica, nonché da un gettito costante e uniforme.

Ma come intervenire in caso di emorragia?

Nel caso di emorragia arteriosa, un requisito fondamentale è l’urgenza, data la rapida e elevata mole di sangue che fuoriesce dall’arteria. Dopo aver fatto sedere o sdraiare il paziente ed aver indossato i guanti, la parte lesa deve essere tamponata con qualunque tessuto, purché pulito.

Il laccio emostatico va utilizzato solo in situazioni drammatiche (amputazione di arti, fratture esposte). Al fine di evitare lesioni ischemiche (assenza di apporto sanguigno ) il laccio deve essere allentato dopo una ventina di minuti. Il paziente deve essere al più presto inviato al Pronto Soccorso.

Nel caso di emorragia venosa, dopo aver indossato i guanti, sarà sufficiente esercitare una pressione sulla ferita mediante un tampone e alzare l’arto leso, alleviando così il flusso emorragico. L’infortunato dovrà essere accompagnato poi al Pronto Soccorso per le cure del caso.

La nostra Sede Didattica:

Viale Palmiro Togliatti, 1520 - 00155 ROMA

La Labor Security SRL è una Azienda Accreditata dalla Regione Lazio per Attività di Formazione sulla Sicurezza del Lavoro – Determinazione n° D3126 del 2 agosto 2010 (accreditamento in Ingresso) e Determinazione n° G00273 del 20 gennaio 2015 (accreditamento Definitivo)

Le Nostre Certificazioni: