Mononucleosi: quali sono i sintomi?

La malattia del bacio

La mononucleosi viene generalmente chiamata “malattia del bacio”.
In realtà il bacio è solo uno dei modi attraverso cui si può venire in contatto con il virus, che può essere trasmesso anche con un colpo di tosse oppure bevendo dallo stesso bicchiere o mangiando con le stesse posate.
E’ una patologia non facile da riconoscere: spesso viene scambiata per una banale influenza.
A causarla è il virus di Epstein-Barr e il periodo di incubazione è variabile: di solito è più breve nei bambini, mentre negli adulti può arrivare anche a qualche settimana.

I sintomi

In genere è del tutto asintomatica, ma si potrebbero manifestare:

  • febbre
  • mal di gola
  • mal di testa
  • malessere generale
  • ingrossamento dei linfonodi

Quali sono i rimedi?

Non esistono terapie in grado di eliminare il virus: i farmaci potrebbero essere utili solo nel caso in cui si sovrapponga un’infezione batterica.
E’ consigliabile un periodo di riposo nel caso di stanchezza cronica.
Possono essere utili i rimedi naturali:

  • Un cucchiaino di miele può essere di aiuto in caso di gola infiammata ed è un ottimo energizzante.
  • Masticare radici di liquirizia è un’ottima soluzione contro le infiammazioni.
  • Bene molta acqua e mangiare frutta e verdura è utili per rafforzare le difese immunitarie.

Mansioni a rischio

Sono a rischio mononucleosi i lavoratori che operano negli asili nidi, scuole e nell’ambito dell’assistenza familiare.
In generale, il rischio biologico è presente nei “luoghi affollati”.
La normativa vigente obbliga i datori di lavoro a valutare il rischio biologico in apposito Documento di Valutazione dei Rischi (DVR).

Questa voce è stata pubblicata in Salute e Sicurezza sul Lavoro. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.