Manutenzione dei condizionatori: ogni quanto va fatta?

L’aria, come l’acqua, è un bene di cui ci serviamo ogni giorno.
Proprio per questo la sua qualità è fondamentale per creare un ambiente sano.
La manutenzione dei condizionatori è indispensabile per avere una buona qualità dell’aria negli ambienti chiusi e contribuisce al benessere della salute.

Pericolo legionella

Un batterio molto pericoloso che si potrebbe insidiare all’interno dei condizionatori è la legionella, che può causare fastidi o malattie alle vie respiratorie.
Il contagio avviene per inalazione di aerosol contaminati.
Si possono sviluppare due forme di malattia:

  • La “febbre di Pontiac”, che comporta febbre e malessere generale (periodo d’incubazione di 1-2 giorni);
  • La legionellosi, la forma più grave della malattia, che, se non subito riconosciuta, può portare alla morte (periodo di incubazione di 5-6 giorni).

Pulizia dei filtri

Ogni condizionatore è provvisto di filtri d’aria, che raccolgono e fermano le impurità dell’aria, tra cui virus e batteri,  purificando  l’aria e proteggendo la salute.
E’ buona norma pulire i filtri almeno una volta l’anno, onde evitare la formazione di batteri che potrebbero essere pericolosi.

 Come si valuta la qualità dell’aria nei luoghi di lavoro?

 La qualità dell’aria nei luoghi di lavoro viene valutata attraverso una centralina microclimatica che considera alcuni fattori fondamentali:

  • Temperatura;
  • Umidità;
  • Velocità dell’aria.

 Il D.Lgs.81/08 obbliga Datori di Lavoro a redigere il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR), al fine di valutare tutti i rischi che possono essere presenti nei luoghi di lavoro, tra i quali il rischio di contrarre la legionella.

Questa voce è stata pubblicata in Salute e Sicurezza sul Lavoro. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.