Dpi – Dispositivi di Protezione Individuale

dpi

Labor Security aiuta la tua Azienda a lavorare in Sicurezza fornendoti:
Abbigliamento da Lavoro, Calzature, Dispositivi di Protezione Antinfortunistica per occhi, udito, vie respiratorie, capo, Pronto Soccorso.

Vendita DPI
Prezzi vantaggiosi!

SPEDIZIONE GRATUITA!

Contattaci

per richiedere un preventivo!

tel. 06-83608632 fax. 06-83608634 e-mail. info@laborsecurity.it, oppure compila ed inviaci il sottostante modulo di richiesta preventivo


Info: Inviando questo form non sei vincolato a nessun ordine. Riceverai un preventivo gratuito per i prodotti che hai richiesto.

Informativa sulla privacy: Inviando la richiesta acconsenti al trattamento dei tuoi dati nel pieno rispetto della normativa vigente: tali dati verranno utilizzati esclusivamente a fini interni e per la fornitura dei servizi richiesti e non saranno in alcun modo ridiffusi a terzi.

Per saperne di più

I dispositivi protettivi costituiscono una barriera tra il lavoratore ed il rischio specifico. L’obiettivo è quello di eliminare o ridurre al minimo il rischio lavorativo. L’utilizzo dei D.P.I. deve essere successivo alla modifica dei processi lavorativi ed all’adozione di protezioni collettive. I D.P.I. devono essere conformi al d.lgs. 475. Debbono essere adeguati ai rischi da prevenire e non determinare ulteriori rischi per i lavoratori. I D.P.I. debbono rispettare le esigenze ergonomiche lavorative. Qualora vengano utilizzati più D.P.I. per la protezione da rischi multipli , questi debbono essere compatibili tra loro e non costituire ulteriore fattore di rischio lavorativo. Il datore di lavoro, a seguito della valutazione dei rischi lavorativi, individua i D.P.I. idonei a proteggere i lavoratori nelle specifiche lavorazioni. Tali D.P.I. debbono essere aggiornati qualora vi siano modifiche lavorative,ed essere oggetto di manutenzione e sostituzione in caso di usura. I lavoratori debbono essere formati ed informati sul loro corretto uso. La formazione specifica è obbligatoria qualora vengano utilizzati D.P.I. di terza categoria e per l’udito. I lavoratori hanno l’obbligo di utilizzare in maniera conforme i D.P.I. assegnati , di non apportare modifiche , di averne cura e segnalare immediatamente la presenza di eventuali deficit. I lavoratori hanno inoltre l’obbligo di frequentare i corsi di formazione sul corretto utilizzo dei D.P.I. Labor Security aiuta la tua azienda a lavorare in sicurezza fornendoti abbigliamento da lavoro, calzature e dispositivi di protezione antinfortunistica per occhi, udito, vie respiratorie, capo e pronto soccorso.

Gli Otoprotettori

Il rumore è uno dei maggiori fattori di rischio per la salute dei lavoratori: infatti il danno che provoca, si manifesta gradualmente e può comportare delle conseguenze irreversibili per l’udito. Vista l’entità del danno che può provocare, in tutti i luoghi di lavoro ove è presente un costante rumore ambientale (che non può essere attutito in alcun modo) è indispensabile utilizzare dei mezzi di protezione auricolari (chiamati anche “otoprotettori”).

I suddetti otoprotettori si dividono in due gruppi:

  • Le cuffie
  • Gli inseri

Le cuffie sono composte strutturate:

  • due “conchiglie” con cuscinetti morbidi, che coprono le orecchie, al cui interno è presente un materiale liquido isolante
  • la fascia di tensione
  • cinghia di sostegno

Gli inserti (chiamati anche “tappi”) si inseriscono all’interno dell’orecchio (meato acustico esterno) e possono essere muniti di un cordone o di un archetto.

Dispositivi Anticaduta

La Normativa Vigente stabilisce che, laddove non è possibile tecnicamente montare delle impalcature o parapetti, tutti coloro che lavorano in quota (almeno 2 metri di altezza rispetto al terreno), necessariamente devono indossare dei dispositivi anticaduta, fondamentali per limitare il rischio, spesso mortale, di caduta dall’alto.
Questo genere di dispositivi deve essere scelto da persone esperte, dopo aver valutato i possibili pericoli intrinsechi del lavoro da svolgere, e spesso è opportuno utilizzare diversi dpi e collegarli tra loro.

Un sistema di anticaduta è composto dai seguenti dpi:

  • imbracatura: un’apparecchiatura di sostegno per il corpo, composta da cinghie, bretelle (inserite in modo da permettere al lavoratore la libertà dei movimenti durante il lavoro) e punti di aggancio, e ha lo scopo di arrestare il corpo in caso di caduta.
  • corda: con assorbitore di energia, che deve collegare l’imbracatura al punto di ancoraggio

Protezione della Testa

Gli elmetti sono dei caschi formati da plastica (policarbonato termoplastico e spesso rinforzati con alluminio) che vengono utilizzati per la protezione della testa del lavoratore (nuca e zone parietali), dalle eventuali lesioni che potrebbero essere provocate dalla caduta di oggetti.

Le principali caratteristiche degli elmetti, sono le seguenti:

  • Capacità di assorbimento degli urti
  • Resistenza alla perforazione, all’infiammabilità, alla luce solare ed alla pioggia
  • Ancoraggio nel sottogola

E’ necesario sostituire l’elmetto nel caso in cui sia stato sottoposto ad un violento urto, poiché nell’aggiustarlo, potrebbero essere modificate alcune componenti originali del casco, fondamentali ad attutire l’urto.

Protezione delle vie Respiratorie

I DPI delle vie respiratorie, chiamati anche APVR (apparecchi di protezione della vie respiratore) sono dei dispositivi (costituiti da un sistema di filtrazione) aventi lo scopo di proteggere gli operatori esposti al pericolo di inalazione di sostanze pericolose gassose.

I dispositivi delle vie respiratorie si suddividono nelle seguenti tipologie:

  • Facciali filtranti (antipolvere, antigas e combinati): sono costituiti interamente da materiale filtrante, attraverso il quale viene eliminata l’aria. Questi dispositivi coprono mento, naso e bocca, e in caso di sostituzione, non è possibile cambiare dei pezzi, bensì l’intero dispositivo;
  • Semimaschere: anche questo dispositivo copre bocca, mento e naso ma, a differenza dei facciali filtranti, è costituito da più filtri, che possono essere sostituiti;
  • Maschere intere: sono formate da strutture che coprono tutto il volto (visiera trasparente) e valvole di espirazione. Le maschere, allo stesso modo delle semimaschere, sono formate da filtri sostituibili.

Protezione delle Mani

Quando non è possibile eliminare del tutto i pericoli per mani ed avambracci a contatto con sostanze pericolose per la pelle, è necessario che l’operatore utilizzi i guanti di protezione da lesioni termiche meccaniche, biologiche e chimiche.
La scelta dei guanti che il datore di lavoro deve far indossare ai propri dipendenti non è universale: infatti è specifica in base all’attività lavorativa da svolgere, e deve essere fatta da un esperto sulla base della valutazione dei rischi lavorativi, che segue le indicazioni previste dal D.Lgs. 81/08.

Tutti i tipi di guanti da lavoro, devono rispettare tutti i requisiti generali previsti dalla norma UNI EN 420.

Per la taglia dei guanti da lavoro, è necessario considerare:

  • La distanza tra l’estremità del dito medio ed il polso
  • La circonferenza delle mani
TIPOLOGIA PROTEZIONE RESISTENZA
EN 388 DAI

RISCHI MECCANICI

ABRASIONE

TAGLIO

STRAPPO

PERFORAZIONE

EN 511 DAL FREDDO FREDDO PER CONDUZIONE E CONTATTO

PERMEABILITA’ ALL’ACQUA

EN 407 DAL CALORE E FUOCO INFIAMMABILITA’

CALORE DA CONTATTO, CONVETTIVO E RADIANTE

SPRUZZI DI METALLO

Calzature di Sicurezza

Tutti i lavoratori esposti a determinati pericoli presenti sul posto di lavoro, hanno l’obbligo di utilizzare le scarpe antinfortunistiche, che si differenziano in base alle attività lavorative da svolgere.
Nei casi previsti dalla normativa vigente, il datore di lavoro deve necessariamente fornire le scarpe antinfortunistiche e i lavoratori hanno l’obbligo di indossarle.

Tutte le calzature da lavoro devono rispettare i requisiti previsti dalla norma UNI EN 20345.

Le calzature da lavoro che seguono la Norma UNI EN ISO 20346 vengono chiamate “Calzature protettive”, mentre le calzature da lavoro che seguono la Norma UNI EN ISO 20347 sono denominate “Calzature da lavoro oprofessionali”.

Le suddette scarpe sono definite di base SB (“S”: safety=sicurezza – “B”: base) e in base alle caratteristiche in aggiunta, si differenziano nelle seguenti tipologie:

TIPOLOGIA REQUISITI DI PROTEZIONE BASE CARATTERISTICHE IN AGGIUNTA
S1 SB ANTISTATICA
S1P SB + S1 LAMINA ANTIFORO
S2 SB + S1 TOMAIA RESISTENTE ALL’ACQUA
S3 SB + S1 + S2 LAMINA ANTIFORO
S4 SB + S1 + S2 Si trova su STIVALI IN GOMMA O PVC CON PUNTUALE, SENZA LAMINA
S5 SB + S1 + S2 Si trova su STIVALI IN GOMMA O PVC CON PUNTUALE E LAMINA ANTIFORO

Protezione degli Occhi

Gli occhiali di protezione sono tra i dispositivi maggiormente utilizzati, poiché sono molteplici le attività lavorative nelle quali è necessario proteggere gli occhi.

I rischi che si corrono non proteggendosi gli occhi con gli occhiali o visiere, possono essere sintetizzate nella tabella sottostante:

RISCHIO PERICOLO
MECCANICO schizzi di metallo fuso

acqua ad alta pressione

proiezione di particelle legnose e minerali

CHIMICO spruzzi di prodotti chimici

fumi, vapori

agenti biologici

RADIAZIONI laser

ultravioletti

abbagliamento

infrarossi

Abbigliamento da Lavoro

La Labor Security fornisce ai lavoratori una vasta scelta di abbigliamento da lavoro (cuoco, edile, infermiere, ecc..) ed abbigliamento da protezione (tute protettive, abiti ad alta visibilità, ecc..) disponibili in tutte le taglie e a prezzi vantaggiosi.

Cassette di Pronto Soccorso

In base a quanto stabilito dal D.M. 388/2003 e D.Lgs. 81/2008, nella propria azienda il datore di lavoro (dopo aver consultato il medico competente) deve disporre di tutta l’attrezzatura necessaria per l’emergenza e l’intervento degli addetti al pronto soccorso (i quali devono essere formati con un apposito corso)

I dispositivi con i contenuti minimi da disporre in azienda sono elencati negli allegati 1 e 2 del D.M. 388/2003 e si differenziano a seconda se si tratti della cassetta di pronto soccorso o del pacchetto di medicazione.

Segnaletica di sicurezza

Il D.Lgs. 81/2008 stabilisce che in tutte le aziende deve essere presente la segnaletica di sicurezza.
La segnaletica ha lo scopo di indicare ai lavoratori le zone di pericolo, via di fuga, ecc..

I commenti sono chiusi.