Datore di Lavoro ai sensi del D.Lgs 81/08

Definizione di Datore di Lavoro ai sensi del D.Lgs 81/08

Una delle definizioni più importanti del D.Lgs 81/08 nel contesto della sicurezza  dei luoghi di lavoro è senza dubbio quella di “datore di lavoro”.

Si riporta di seguito l’esplicitazione di tale definizione, che ricalca peraltro quella già enunciata dal precedente e soppresso ex D.Lgs.626

datore di lavoro: “il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e l’assetto dell’organizzazione nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività, ha la responsabilità dell’organizzazione stessa o dell’unità produttiva in quanto esercita i poteri decisionali e di spesa. Nelle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, per datore di lavoro si intende il dirigente al quale spettano i poteri di gestione, ovvero il funzionario non avente qualifica dirigenziale, nei soli casi in cui quest’ultimo sia preposto ad un ufficio avente autonomia gestionale, individuato dall’organo di vertice delle singole amministrazioni tenendo conto dell’ubicazione e dell’ambito funzionale degli uffici nei quali viene svolta l’attività, e dotato di autonomi poteri decisionali e di spesa. In caso di omessa individuazione, o di individuazione non conforme ai criteri sopra indicati, il datore di lavoro coincide con l’organo di vertice medesimo”

I commenti sono chiusi.