Colpo di sonno in auto: la tecnologia ci protegge

Il colpo di sonno

L’improvviso colpo di sonno durante la guida dell’auto è una delle principali cause incidenti stradali, spesso con gravi conseguenze.
Purtroppo è improvviso, ma alcuni segnali del nostro corpo ci aiutano a riconoscerlo: bruciore agli occhi, difficoltà a mettere a fuoco, irrequietezza e tendenza a toccarsi continuamente viso e braccia.
In presenza di questi sintomi è bene fermarsi e magari prendere un caffè, contrastando l’effetto della sonnolenza.

La tecnologia

La Panasonic ha ideato una tecnologia per prevenire gli effetti del colpo di sonno, responsabile ogni anno di un quinto degli incidenti stradali.
L’apparecchio è in grado di riconoscere la sonnolenza attraverso diversi dispositivi:

  • una telecamera, che inquadra il viso del guidatore e rileva la stanchezza basandosi sulla frequenza dei battiti delle palpebre e sull’espressione del volto;
  • un sensore termico, che rileva la perdita di calore nel corpo del conducente, sintomo che preannuncia l’evolversi dello stato di torpore.

Queste informazioni vengono elaborate da una centralina che interviene condizionando gradualmente la guida, fino a indurre il guidatore a fermare il veicolo.

Colpo di sonno, alcol e prevenzione sul lavoro

Il colpo di sonno in genere è dovuto all’eccessiva stanchezza, ma anche altri fattori possono contribuire, come l’abuso di alcol.
In ambito lavorativo, dove le condizioni fisiche e psichiche dei dipendenti sono di fondamentale importanza per garantire la propria sicurezza e quella degli altri, assumere alcol è rischioso.

Il problema si pone principalmente per chi guida mezzi aziendali con patente B e superiori.
Il D.Lgs.81/08 obbliga il Medico Competente aziendale a sottoporre a test alcolimetrico specifiche mansioni a rischio per sé e per gli altri.

Questa voce è stata pubblicata in Salute e Sicurezza sul Lavoro. Contrassegna il permalink.